"Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un'anima, l'anima di chi lo ha scritto e l'anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito ne acquista forza. ...i libri non ci appartengono mai. ...ognuno di questi libri è stato il miglior amico di qualcuno. ... dietro ogni copertina si cela un universo infinito da esplorare."

dal libro "L'ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafon

Responsabile attività: Maria Vichi

Il Gruppo di Lettura “Punto e Virgola” è un progetto, rivolto a tutti gli associati adulti, che nasce dalla necessità di creare momenti di incontro in cui sia possibile discutere di libri e recuperare la dimensione comune della lettura, considerata non più solamente come uno spazio intimo e personale, ma collettivo e di condivisione delle emozioni suscitate dai libri. Gli incontri serali avranno una cadenza mensile. I partecipanti leggono privatamente il libro prescelto e durante le riunioni confrontano idee e commenti. Proprio dall’incontro con altri lettori dotati di sensibilità ed esperienze diverse, scaturisce la possibilità di un’interpretazione del testo più ricca e significativa, un “leggere attraverso gli altri”, che stimola il piacere della lettura. Il rispetto per le idee di tutti è una condizione fondamentale per la buona riuscita del gruppo, dove ognuno sa di essere ascoltato, ma non esaminato né tanto meno giudicato; ciò determina curiosità e attesa in chi ascolta e fiducia e sicurezza in chi parla. Abbiamo iniziato il nostro percorso il 15 ottobre 2010 e i libri da noi scelti per questa esperienza, sono i seguenti:

“E venne chiamata due cuori” di Marlo Morgan

"La parrucchiera di Kabul” di Deborah Rodriguez

“Il buio oltre la siepe” di Harper Lee

"L'eleganza del riccio" di Muriel Barbery

"I quasi adatti" di Peter Hoeg 

"Se questo è un uomo" di Primo Levi

"Cecità" di Jose Saramago

"Il regalo" di Danielle Steel 

"Uno, nessuno e centomila" di Luigi Pirandello 

"Se una notte d'inverno un viaggiatore"  Italo Calvino 

Un giallo di Sir Conan Doyle a scelta 

"Novecento" di Alessandro Baricco 

"Il rifugio" di W. Paul Young 

"Nelle terre Estreme" di Jon Krakauer 

"La fattoria degli animali" di George Orwell 

"Le voci del mondo" di Robert Schneider 

"L'avventura di un povero cristiano" di Ignazio Silone 

“Giobbe” di Joseph Roth 

“La buona terra” di Pearl S. Buck 

“Il segreto di Luca” di Ignazio Silone 

“Il bar sotto il mare” di Stefano Benni 

“L'amico ritrovato” di Fred Uhlman 

Un romanzo di Andrea Camilleri a scelta

 

 

 

Il bambino possiede dei tesori di energia,basta non portargli via la chiave che gli permette di appropriarsene. Questa chiave è l'interesse, è il gioco.

(E. Claparède)

La sola cosa necessaria, per la tranquillità del mondo, è che ogni bambino possa crescere felice.

(Capo Dan George, dei Salish)

La legge dell’amore si comprende e si apprende meglio tramite i bambini. (Gandhi)

Vuoi progettare un anno?... Coltiva il riso. Vuoi progettare un decennio?... Pianta gli alberi. Vuoi progettare un secolo?... Educa le persone.

(Antico proverbio cinese)

Dite: é faticoso frequentare bambini. Avete ragione. Poi aggiungete: bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli. Ora avete torto. Non é questo che più stanca. É piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi fino all'altezza dei loro sentimenti. Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi. PER NON FERIRLI". (J. Korczack)

Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio.

(Proverbio africano)

Se crediamo tanto in qualcosa che ancora non esiste, lo creiamo. Le cose che non esistono non le abbiamo desiderate abbastanza.

(Nikos Kazantzakis)

“Per capire se stesso l’uomo ha bisogno di essere capito dall’altro, per essere capito dall’altro ha bisogno di capire l’altro.

(Arthur Koestler)

"Il sorriso di un bambino è il nostro bene più prezioso, la consapevolezza di difenderlo è la nostra arma più potente"

L'uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare.

(George Bernard Shaw)

Foto

qui puoi trovare tutte le foto delle nostre attività

 

 

Seguici su...

Pagina ufficiale dell'associazione:

Pagina facebook dedicata a Naturae

 

Canale youtube

online

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

Associazione di promozione sociale “il Punto”

Sede di Pesaro Via Degli Artigiani, 5 - 61122 Pesaro (PU)

Iscritta all’albo Regione Marche n°9/2009

Codice Fiscale 92031630418

IBAN IT 06 O 08826 13300 000010161856

info@associazioneilpunto.it